PASSAGGI LENTI

La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada. La vita stessa è un viaggio da fare a piedi – Bruce Chatwin

Cimitero acattolico di Roma, la quiete ai piedi della Piramide Cestia

Un cimitero particolarmente suggestivo si nasconde alle spalle della piramide Cestia, un luogo che trasporta il visitatore verso atmosfere nordiche grazie alla presenza di lapidi e tombe monumentali che si susseguono nel luogo di sepoltura pensato ed utilizzato per i protestanti che dimoravano a Roma. Il cimitero acattolico, anche detto degli Inglesi, è sostanzialmente uno spazio di pace e tranquillità, al riparo dal traffico e dai rumori che la città emana. Qui, come custodi silenziosi delle spoglie dei defunti, vivono i “gatti della Piramide“, la colonia felina che dal 1984 è stata costituita in quest’area. (altro…)

Il gioiello della Cappella Brancacci a Firenze

Cappella Brancacci a Firenze

All’interno della chiesa di Santa Maria del Carmine a Firenze, si cela uno degli scrigni pittorici più strabilianti e meglio conservati di tutta la storia dell’arte italiana: la Cappella Brancacci. La storia della chiesa è di due secoli prima rispetto al capolavoro dipinto da Masaccio, Masolino e Filippino Lippi e ha inizio nel 1268, quando un gruppo di frati, provenienti da Pisa, fonda, nel capoluogo toscano, una chiesa dedicata alla Beata Vergine del Carmelo. (altro…)

Forte Bravetta a Roma, le fucilazioni nazifasciste e il dovere della memoria

Fucilazione a Forte Bravetta di Don Piero Morosini interpretato da Piero Fabrizi in "Roma Città Aperta"

Costruito tra il 1877 ed il 1883, poco dopo l’annessione della città di Roma al Regno d’Italia, il Forte Bravetta è una delle quindici fortificazioni realizzate dal nuovo Stato per difendere la capitale da eventuali attacchi volti alla riconquista del potere pontificio sui suoi possedimenti. Dal 1932, sotto il periodo fascista, in questo luogo ebbero inizio le fucilazioni da parte del regime nei confronti dei dissidenti e dei traditori. Ma è soprattutto nei nove mesi dell’occupazione tedesca che si verificò un incremento delle condanne a morte. (altro…)

Giordano Bruno: vita, filosofia e morte al rogo di un eretico

La statua di Giordano Bruno a Campo de' Fiori

Giordano Bruno è stato filosofo, viaggiatore, scrittore, pensatore e soprattutto sacerdote domenicano. Le sue convinzioni e la fedeltà alle sue idee lo videro osteggiato dalla Chiesa, dai luterani, dai calvinisti, dagli anglicani. Fu un intellettuale europeo a tutto tondo: tenne lezioni all’università di Oxford, fu correttore di bozze a Ginevra e soprattutto si fece portavoce di una nova filosofia in cui venivano indagati, con animo ed occhi rinnovati, la natura ed il mondo esterno in cui viveva l’uomo. Quello che lo muoveva era l’elaborazione di un nuovo concetto di religione svincolato dalle fedi che venivano professate. (altro…)

Eremo di San Bartolomeo e la Valle Giumentina: la Maiella incantata

Eremo di San Bartolomeo in Legio

All’interno del Parco Nazionale della Maiella è possibile coniugare l’interesse per il trekking e per la storia attraverso un sentiero suggestivo e relativamente semplice. Il percorso che parte a quattro chilometri dal paese di Roccamorice, in provincia di Pescara, consente di visitare, difatti, l’eremo di san Bartolomeo in Legio ed il complesso agro-pastorale di Valle Giumentina, il tutto in un ambiente caratterizzato da un lungo canyon in cui scorre il fosso del Catenaccio. La prima parte del percorso (25-30 minuti) è frequentata da pellegrini e famiglie che affrontano la discesa del vallone di Santo Spirito per giungere all’eremo di San Bartolomeo. Il luogo religioso, ubicato a mezza costa a 600 metri s.l.m., fu ricostruito da Pietro di Morrone (il futuro papa Celestino V) nella località di un precedente eremo andato in rovina ed ancora oggi è frequentato a scopo di culto. (altro…)