PASSAGGI LENTI

La vera casa dell’uomo non è una casa, è la strada. La vita stessa è un viaggio da fare a piedi – Bruce Chatwin

Storia dei calendari occidentali, dal romuleo al gregoriano

Gregorio XIII, ideatore del Calendario Gregoriano.

L’uomo fin dagli albori ha avvertito il bisogno, se vogliamo anche il desiderio, di misurare il tempo. Una necessità atavica, spiegabile attraverso ragioni di ordine pratico ma anche psicologico. Controllare il tempo, o almeno credere di farlo, significava razionalizzare la vita degli uomini, il loro lavoro ma anche i più intimi spazi. Il Tempus, che alcune civiltà sacralizzavano al punto da elevarlo agli altari, fu un fattore dominante del vivere umano. Tutte le sue frazioni, dalle più piccole a quelle più ampie, dalle ore agli anni insomma, furono afferrate dagli uomini e, in qualche modo, definitivamente possedute. Una delle forme più antiche e al tempo stesso più affascinanti di questo “umano controllo” del tempo fu, senza dubbio, l’invenzione del calendario. (altro…)

Viva la Vida, l’omaggio di Pino Cacucci a Frida Khalo

Frida Khalo, protagonista del libro Viva la Vida di Pino Cacucci

E’ possibile condensare la biografia straordinaria nel senso primo dell’aggettivo di una donna unica in poco più di cinquanta pagine? Se si è un grande scrittore, assolutamente sì. Pino Cacucci con Viva la vida è riuscito esattamente in questo, trasmettere l’intensità irripetibile della vita di Frida Khalo in poche, indimenticabili pagine. Con una scrittura incalzante fin dalla primissima parola (bellissimo l’incipit «La pioggia… Sono nata nella pioggia») l’autore di Puerto Escondido, conoscitore come pochi del Messico e del Sud America, riesce a far vivere la protagonista assoluta di questo cammeo letterario: Frida Khalo. (altro…)

I mille volti di Castel Sant’Angelo, da mausoleo a museo

Castel Sant'Angelo, il luogo delle esecuzioni

Castel Sant’Angelo, anche detto Mausoleo di Adriano, è il monumento di Roma che racchiude in sé la storia che la città ha vissuto e le vicende attraverso cui è passata. Posto sulla riva destra del Tevere, in una zona un tempo esposta alle inondazioni del fiume e denominata dai Romani ager vaticanus, il monumento è sopravvissuto ai fasti, agli scompigli, alle glorie e alle vicissitudini di Roma in un arco temporale amplissimo che abbraccia duemila anni. Modificato nei secoli, Castel Sant’Angelo ha subito numerosi trasformazioni, vedendone cambiato e alterato l’uso che ne veniva fatto. L’edificio è stato, infatti, un mausoleo, un baluardo difensivo, un carcere, una dimora rinascimentale ed infine un museo. (altro…)

Via dell’Impero, la strada trionfale del Fascismo

Via dei Fori imperiali a Roma

La costruzione di un nuovo asse viario che collegasse direttamente piazza Venezia con il Colosseo era stata progettata e realizzata all’interno di una visione trionfale e monumentale della nuova Roma mussoliniana. Via dei Monti, poi divenuta Via dell’Impero ed oggi Via dei Fori Imperiali, aveva lo scopo di aprire la città alla modernità, di renderla maggiormente fruibile alle autovetture e di adattarla alle nuove esigenze del regime fascista. L’avversione di Mussolini per i quartieri vecchi era stata evidente da subito, da quando già negli anni Venti aveva utilizzato il piccone per liberare Roma da caseggiati ed abitazioni fatiscenti, nell’intento di lasciare spazio alle antiche vestigia ed ai secolari monumenti, emancipandoli da quello che egli stesso considerava essere un “pittoresco sudicio[…] destinato a crollare in nome della decenza, dell’igiene”. (altro…)

La Papessa Giovanna, storia di una maldicenza divenuta leggenda

Raffigurazione del parto della Papessa Giovanna

Questo è il racconto di come una maldicenza diffusa durante il Medioevo e ripresa da alcuni protestanti nel Cinquecento per gettar discredito sul cattolicesimo, sia stata ritenuta veritiera e credibile per secoli. La leggenda della Papessa Giovanna, descritta da numerosi testi medievali, ha superato centinaia di anni per giungere fino ai nostri giorni. Di lei si è parlato, immaginato, scritto e raccontato. Della sua elezione e del suo parto sono state riempite pagine di cronache, diari, racconti, biografie. (altro…)