Caso Moro. La seduta spiritica e il mistero di via Gradoli

Aldo Moro nel covo delle BR in Via Gradoli durante il suo rapimento

Zappolino è una frazione del comune di Valsamoggia, a circa 30 chilometri da Bologna. Fino al 2 aprile 1978, questo lembo della provincia emiliana era noto solo per una sanguinosa battaglia, che si combatté il 15 novembre 1325 fra le milizie ghibelline di Modena e quelle guelfe bolognesi. Dopo quella domenica di inizio aprile quel nome, poco più di un punto su una carta geografica, divenne improvvisamente celebre per la misteriosa seduta spiritica sul caso Moro.

LA MISTERIOSA SEDUTA SPIRITICA SUL CASO MORO

Fa freddo quel 2 aprile. La giornata, come avrebbe cantato due anni più tardi Lucio Battisti, è uggiosa e la pioggia consiglia vivamente di stare in casa, magari davanti a un bel camino fiammeggiante per trascorrere nel migliore dei modi il pomeriggio e l’imminente sera.
Nella casa di campagna di Alberto Clò, un gruppo di amici, preso dalla noia, decide di fare qualcosa di alternativo per trascorrere la giornata, visto che di uscire, con quel tempo, nessuno ha davvero voglia. Il padrone, allora, emulo di Ronald Garfield nel bellissimo romanzo di Agatha Christie Un messaggio dagli spiriti, propone di fare una seduta spiritica, invece della solita partita a carte ma, al contrario del libro della regina del giallo, qui è tutto drammaticamente vero. La proposta viene accolta, nonostante nessuno abbia «predisposizione alcuna di tipo parapsicologico o, comunque, pratica di queste cose» ma «a livello di gioco» come dirà uno dei partecipanti, Romano Prodi – rispondendo a una precisa domanda di Leonardo Sciascia, presidente della Commissione Parlamentare sul Caso Moro – «la tecnica era conosciuta». Pratici o no gli ospiti si siedono intorno al tavolo e «tutti poggiano il dito sul piattino dopo aver evocato uno spirito guida sottoponendogli alcune domande». Oltre a Prodi in quella casa ci sono la moglie Flavia, Fabio Gobbi, Gabriella e Mario Baldassarri, Francesco Bernardi, Emilia Fanciulli, Carlo e Licia Clò, oltre al già citato anfitrione.

La domanda che viene posta agli spiriti – Prodi dirà che vennero “interrogati” anche i defunti Giorgio La Pira e don Sturzo – non è proprio delle più banali. Agli inquilini dell’aldilà viene chiesto dove si trovi Aldo Moro, lo statista democristiano rapito il 16 marzo in via Fani dalle Brigate Rosse che nel corso dell’operazione trucidarono gli uomini della scorta.
Il piattino, agitandosi sul foglio di carta, forma alcune parole: Bolsena, Viterbo e Gradoli, nome, quest’ultimo, che suscita, al contrario degli altri toponimi, la curiosità di tutti, tanto che decidono di «verificarne l’esistenza sulla mappa» come ricorda nel suo bellissimo “La tela del ragno. Il delitto Moro”, il senatore Sergio Flamigni.

AFFAIRE MORO: GRADOLI O VIA GRADOLI?

Aldo Moro

Aldo Moro

L’indomani Prodi, «l’unico ad avere contatti con il vertice politico», parla di Gradoli con il criminologo Balloni che a sua volta riferisce la strana storia della seduta spiritica al vicequestore di Bologna. Il 4 aprile il futuro presidente del consiglio è a Roma per un convegno. Qui incontra Umberto Cavina, esponente della segreteria democristiana guidata da Benigno Zaccagnini, al quale riferisce di Gradoli. Il nome emerso a Zappolino inizia a essere sulla bocca di più di un politico Dc e arriva fino a Luigi Zanda, addetto della segreteria del ministro dell’Interno, Francesco Cossiga.

La conseguenza del “messaggio degli spiriti” si concretizza il 6 aprile, quando 22, fra poliziotti e carabinieri, procedono alla perquisizione di case coloniche, casolari abbandonati, cantine, grotte, ripari naturali in località Gradoli, lungo la statale 74, come disposto dal capo della polizia con una nota datata 5 aprile. L’operazione, comunque, non porta a nessun risultato. Di Moro, in quella frazione in provincia di Viterbo non c’è traccia. L’insuccesso dell’operazione condotta dalle forze dell’ordine nella località della Tuscia suggerisce a Eleonora Moro, moglie dello statista democristiano, di domandare «se piuttosto del paese non potrebbe trattarsi di una strada di Roma». Alla signora Moro, stando almeno alle sue parole, viene risposto che via Gradoli a Roma non c’è, peccato che quella via esista e che sia stata già oggetto, il 18 marzo, a quattro giorni dalla strage di via Fani, di una perquisizione di quasi uno stabile al civico 96. Quasi, perché all’interno 11, quello dove, si saprà in seguito, è celata una delle basi delle BR, nessuno risponde al campanello suonato dalle forze dell’ordine.

A via Gradoli la polizia tornerà in forze il 18 aprile, più o meno in contemporanea alla fatidica operazione del Lago della Duchessa, una delle pagine più ridicole di tutto l’affaire Moro. A chiamare quel giorno le forze dell’ordine sono i vigili del fuoco che da poco hanno scoperto, grazie a una “fortunata” perdita d’acqua, un covo delle Brigate rosse. Si tratta dell’appartamento preso in affitto tre anni prima da Mario Moretti, per un milione e mezzo l’anno, e da Luciana Bozzi, amica di quella Giuliana Conforto che, subito dopo l’uccisione di Moro, ospiterà nella sua casa romana di viale Giulio Cesare Valerio Morucci e Adriana Faranda.

Una scelta piuttosto singolare quella di alloggiare in via Gradoli da parte delle BR, non tanto per la cifra, non proprio modesta in verità, quanto per altri ben più importanti motivi. Innanzitutto, per le caratteristiche tecniche della strada, decisamente non in linea con le linee impartite da Renato Curcio e soci circa i luoghi dove collocare degli alloggi brigatisti. Via Gradoli infatti, è stretta, lunga poco più di 500 metri e con un solo accesso, insomma non l’ideale per un’eventuale e subitanea fuga e, oltretutto, risulta essere un poco “affollata”. In quella piccola e poco nota strada nella periferia nord di Roma, abitano personaggi di ogni tipo. Nello stesso stabile dove abita Mario Moretti insieme con Barbara Balzerani, vivono Lucia Mokbel, ufficialmente studentessa egiziana in realtà informatrice della polizia e Giuseppe Scafa, un evaso ricercato dalle forze dell’ordine.

Ma l’inquilino più “misterioso” di via Gradoli abita al civico 89, proprio di fronte al covo brigatista. Si tratta del sottufficiale Arcangelo Montani, agente del Sismi, il servizio segreto militare, per conto del quale monitora la via in quanto frequentata da esponenti di Potere operaio. Se non bastasse, infine, si aggiunga pure che ben 24 appartamenti della palazzina di via Gradoli 96, come racconta Sergio Flamigni, in quel fatale 1978 sono di proprietà di società immobiliari nei cui organismi societari figurano fiduciari del Sisde, i servizi segreti civili. Insomma una via quantomeno chiacchierata.

La vicenda della seduta spiritica sul caso Moro, sulla cui veridicità molti hanno avanzato dubbi – uno fra tutti Giulio Andreotti – rimane uno degli episodi più controversi di tutta la vicenda legata al rapimento e all’uccisione dello statista democristiano. Nel corso degli anni si è cercato di capire da dove provenisse il nome di Gradoli. Si è parlato di una soffiata proveniente dai settori dell’autonomia bolognese, ma anche, in tempi più recenti, dell’ipotesi che il nome di Gradoli fosse stato fatto da alcuni esponenti della ‘ndrangheta.
Una pagina che a distanza di quarant’anni è avvolta ancora dal mistero, una delle tante, se vogliamo, di tutta la vicenda del sequestro Moro, vero e proprio spartiacque della storia della repubblica italiana. Rimane certamente la domanda, purtroppo ancora priva di una esauriente risposta, di chi, riprendendo le parole del senatore Flamigni, «abbia “ispirato” lo spirito che ha evocato il nome di “Gradoli”».

 

Leggi anche: 
Via Fani: “Il cupo rombo degli elicotteri e la mia strada divenne storia”
Agguato di via Fani. Le vite spezzate degli uomini della scorta di Moro

3 Commenti

  1. Monica

    Uno dei tanti tasselli ancora privi di incastro. Grazie

  2. Simona

    Complimenti, non stanchiamoci mai di interrogarci sulla vicenda Moro.
    Questo racconto ci deve aiutare a non dimenticare, ma soprattutto a capire la verità…se mai ce ne fosse bisogno!!!
    Grazie

  3. Maurizio Carvigno

    Grazie per i commenti. Il 16 marzo e in generale tutta la vicenda di via Fani e del sequestro Moro rappresentano il nostro “11” settembre e in fin dei conti esiste, piaccia o no, un’Italia prima del delitto Moro e una dopo. Moro diceva che “quando si dice la verità non bisogna dolersi di averla detta. La verità è sempre illuminante. Ci aiuta a essere coraggiosi.” Grazie ancora. Maurizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.