Archivio Tag: Viaggio

Trekking all’Elba. “Vi racconto il mio viaggio indimenticabile con il liceo Talete di Roma”

Trekking all'Isola d'Elba

Mi chiamo Nicola e sono uno di quelli che vengono dalla pianura, nato a Roma e cresciuto fin da piccolo sul mare di Ostia, esattamente a zero metri sul livello del mare. Non posso dire di essere cresciuto guardando le montagne dalle finestre di casa mia, quelle montagne che vedevo da lontano e solo se il cielo me lo concedeva. Sono un “montanaro” come in tanti mi definiscono? Probabilmente no. Molti ritengono che per esserlo, ci devi essere nato e cresciuto in montagna. La devi vivere la montagna. E forse hanno ragione. Eppure fin da piccolo il mio naso era sempre all’insù. I miei occhi sempre verso le cime lontane, le mie spalle sempre verso il mare. Ma non c’era viaggio in macchina o treno, trascorso appiccicato al finestrino, in cui i miei occhi non si soffermassero a veder sfilare in successione le montagne. Non c’era vetta sulla quale la fervida mente del bambino che ero, non fantasticava pensando a nobili avventure, esplorazioni e scalate. E devo dire che la maggior parte di quelle montagne di cui non conoscevo né il nome né il luogo in cui si trovassero, effettivamente poi le ho salite. Tutt’oggi, ormai adulto, la mia testa mi dice di affrontare ogni cima sulla quale poso gli occhi. La montagna è un’avventura che si rinnova continuamente. È magia perché mi fa ritornare bambino. Mi fa sognare e fantasticare. Ma è stata anche una dura scuola di vita. Forse la più dura. Mi ha donato amici e me ne ha tolti altri. Mi ha fatto crescere dandomi la possibilità di scoprire ogni angolo più recondito del mio essere. Mi ha accolto quando fuggivo dalla routine. Mi ha accettato per quello che sono. Mi ha consolato quando ero triste. Mi ha dato pace quando ero arrabbiato. La montagna è severa e giusta perché al suo cospetto siamo tutti uguali. Non vi è giustizia più grande. Vi racconto la mia Grande Traversata Elbana con i ragazzi del liceo Talete di Roma. (altro…)

Il conte di Montecristo, un meraviglioso viaggio nella fantasia

Conte di Montecristo, veduta della prigione-fortezza nota come il Castello d'If

Un giovane marinaio, Edmond Dantes, dal futuro radioso e che sta per sposare una bellissima ragazza che ama incondizionatamente da anni, viene improvvisamente accusato di collaborazionismo, di tramare per un possibile ritorno di Napoleone Bonaparte, confinato nella piccola isola dell’Elba. Quella terribile e infamante calunnia, abilmente tessuta dal complesso inganno di uomini invidiosi e senza scrupoli, conduce il povero Dantes, arrestato proprio nel corso della sua festa di fidanzamento, nella tetra e buia prigione sull’isola di If, da cui difficilmente si esce vivi. In quel luogo di disperazione, di pianti silenziosi, di sconfortante amnesia, Dantes sarà sorretto solo dal desiderio di vendetta che animerà tutte le sue future azioni. Questa, in estrema sintesi, l’incipit della trama di un libro bellissimo: Il Conte di Montecristo. (altro…)

Cammino Primitivo, destinazione Santiago di Compostela. “Un viaggio indimenticabile”

Verso Santiago di Compostela. Il Cammino Primitivo

Il cammino di Santiago di Compostela è uno degli itinerari religiosi e culturali più amati e frequentati al mondo. Sono, infatti, oltre 200.000 i viandanti – credenti e non – che ogni anno intraprendono questa esperienza unica alla volta dell’omonima cittadina spagnola (in Galizia), nella cui imponente cattedrale sono conservate, secondo la tradizione cristiana, le spoglie mortali di Giacomo il maggiore, apostolo di Gesù. A settembre 2017 anche Paola Menichetti da Arpino, la città natale di Cicerone in cui vive, ha raggiunto in aereo Oviedo per poi percorrere a piedi i 334 km del Cammino Primitivo, la via più antica verso Santiago. “All’arrivo si piange”. Venti giorni di pure emozioni, come ci racconta in questa coinvolgente intervista. (altro…)

Storia della Via Francigena, in viaggio sulle orme di Sigerico

Via Francigena

La storia della Via Francigena è affascinante come i luoghi che attraversa.

Siamo tutti stranieri, siamo tutti pellegrini. Basta varcare il confine del nostro spazio costruito, quello sociale,  familiare e personale, che ci si ritrova perduti in terre inesplorate. Un senso di smarrimento che prova solo chi si spinge oltre la protezione delle proprie certezze, un luogo di sospensione identitaria, uno spazio altro da noi che spaventa e svuota il campo delle certezze, rendendo necessario un riempimento attraverso le esperienze di viaggio ed una riflessione su un nuovo senso di sé, su una nuova autorappresentazione. (altro…)

“Tre uomini in bicicletta”. Una folle avventura da Trieste a Istanbul, pedalando

Bicicletta

Tre uomini, il giornalista Paolo Rumiz, il vignettista Francesco Altan e il professore Emilio Rigatti. Tre biciclette, una Haro Extreme color rosa confetto del 1990, decisamente la più vecchia, una Specialized biammortizzata grigio militare del 1993 e, infine, la più nuova e tecnologica, una Turner Burner XC, per gli amanti della materia una sorta di Ferrari su due ruote. Una sola meta finale: Istanbul, ma partendo da Trieste e principalmente pedalando soltanto.

È questa l’essenza di Tre uomini in bicicletta (Feltrinelli), un piccolo libro che si sposa perfettamente con il principio ispiratore di Passaggi Lenti, perché la lentezza, i paesaggi, gli incontri, sono il succo di questo libricino divertente, divagante ma anche straordinariamente stimolante. (altro…)